Definì “malati” i gay, la Procura chiude il caso