Il volontario “fantasma” e il «no» a Porta a Porta